Strategia marketing: le 3 frasi pericolose che ti auto-sabotano

approccio mentale Mar 04, 2021

Capita spesso che un freelancer tenda a trovare delle scuse quando una strategia di marketing non funziona bene. Oppure quando deve decidere se intraprenderla o meno quella strategia. Cose come “i clienti diversi”, “il settore difficile”... Sono frasi pericolose che auto-sabotano. Qua ti spieghiamo come individuarle e come superarle.


Davanti a una strategia di marketing che non è andata a buon fine o che non ha dato i frutti sperati ci sono delle frasi che ricorrono spesso. Si tratta di frasi fotocopia che ritornano e che possono svelare dei meccanismi controproducenti a livello di business e acquisizione clienti. 

Se da poco hai aperto la tua attività da freelancer, e non stai avendo i risultati sperati, se non trovi i clienti che ti eri prefissato, se la tua attività sta ristagnando, non cadere nel trabocchetto di coloro che si dicono frasi come:

  1. “Ma sì, certo che non riesco,  il mio settore è differente
  2. I miei clienti sono un po' diversi
  3. Nella mia città ci si muove in maniera un po' particolare…”

Ecco, cancella da subito queste tre frasi dalla tua testa.

Non è mai solo colpa del settore, del cliente o del luogo. Non solo, dalla nostra esperienza possiamo dirti che sono le frasi tipiche che si dicono imprenditori e freelancer quando non vogliono ammettere delle mancanze, quando preferiscono non mettersi in discussione, affrontare il problema, e quindi… agire.

Sono, insomma, delle scuse.

Si tratta di tre frasi pericolose, soprattutto se vuoi che la tua attività prenda il volo e cresca, in quanto ti fanno credere che il problema sia esclusivamente esterno, che la non riuscita sia fuori dalla giurisdizione, e, quindi, qualcosa di ingovernabile e su cui tu non possa fare molto.

Sono pensieri cuscinetto, la tipica pacca sulla spalla che ti auto-sabota, anche se lì per lì ti fa sentire meglio. 

La strategia marketing questa volta ha fallito?

La colpa è anche della strategia marketing, quindi, anche, tua, della tua azienda o servizio. Devi riconoscerlo, ammetterlo e agire di conseguenza. Non è un dramma. Ogni business che si rispetti e che prenda il volo è fatto di successi, ma ancor di più di tentativi, andati a male.

 

Ricorda: quando qualcosa non decolla, un imprenditore o freelancer ha sicuramente qualche colpa. Lo accetta e va avanti, con una nuova strategia.

3 passi per prendere di nuovo il controllo della situazione

Allora qual è l’approccio migliore? Ti indichiamo i tre passi da fare per cancellare quelle frasi dalla tua vita, e iniziare ad avere un approccio nuovo, costruttivo, da vero business man, e professionista freelancer, che sa come acquisire nuovi clienti, qualunque essi siano, dovunque essi siano.

Iniziamo:

1. Non esiste cliente che non possa capirti

Se non ha capito, se non abbiamo conquistato quel target è perché ci siamo spiegati male. Se le persone non acquistano il tuo servizio o prodotto non è perché non ti capiscono, ma perché non sei riuscito a convincerle.

Quindi abbandona tutte le scuse legate alla particolarità del mondo esterno, alla difficoltà di conquistarlo e inizia a pensare a cosa cambiare, cosa fare per farti capire, e per ottenere quello che desideri.

Cambia linguaggio, cambia strategia.

2. Siamo tutti particolari, e nessuno è.

Quando parliamo con freelancer e imprenditori tutti confermano sempre una cosa, ovvero di essere particolari e di offrire qualcosa di particolare:

“Nel mio settore tutti lavorano un certo modo ma io lo faccio leggermente in maniera diversa”

“I miei clienti sono leggermente più particolari”

Non sono bugie: ogni mercato, ogni professionista, ogni partita IVA è diverso dall'altro.

Pensiamo ai freelancer, soprattutto nel loro caso parliamo di individui, di professionisti. Ognuno di loro ha dei particolari, un diverso background, una diversa formazione.

Tuttavia, tutti affrontiamo gli stessi problemi, le stesse difficoltà. Molte volte lavoriamo con e sugli stessi identici clienti.

Quindi: ogni professionista è diverso, ma anche tutti gli altri professionisti sono in qualche modo diversi,  e prima o poi cominceranno a comunicare quella loro specificità. Non basta essere particolari, bisogna anche comunicare al meglio al mondo quella particolarità. Quindi, non dare mai gli altri per scontati, e muoviti!

3. Punta sulla tua diversità.

Ti chiederai se siamo impazziti. Ti abbiamo appena detto che sei uguale agli altri, e ora ti consigliamo di puntare sulla tua diversità. Invece, sta proprio qua il senso di quello che ti vogliamo comunicarti.

Preso atto del fatto che affronti le stesse difficoltà dei tuoi concorrenti, e che tutti i tuoi concorrenti sono in qualche modo speciali, ecco, ora puoi sfruttare a tuo vantaggio il fatto di avere delle particolarità.

E per farti capire cosa intendiamo, ti mostriamo, nella pratica, un esempio di frase positiva che ti metta in quell’ottica.

La strategia marketing questa volta ha fallito? Invece che cadere in quelle tre frasi pericolose, tutte rivolte all’esterno, prova a dire qualcosa come:

“Io sono diverso dai miei concorrenti. E in quella diversità posso puntare la mia strategia marketing.”

Questo è un esempio di frase propositiva, molto diversa dalle tre che ti abbiamo indicato a inizio articolo. Prima di tutto, sono parole che puntano l’attenzione su di te, su quello che tu puoi controllare, su quello che tu puoi fare, non dando la colpa e quindi il potere all’esterno.

Quando inizi a fare marketing avere dei punti di forza va a tuo vantaggio soprattutto se queste diventano argomenti di vendita, quindi di pubblicità.

Comunicare la diversità  è l'arma più potente che si possa avere nel marketing quando si parla ai potenziali clienti.

Un esercizio per te:

Vogliamo concludere proponendoti un esercizio che ti metta nella giusta ottica di strategia marketing.

Metti su carta:

  1. Qual è la mia vera diversità?
  2. Qual è la sfumatura che mi rende unico nel mercato?
  3. Cosa posso fare di diverso dagli altri che possa essere veramente apprezzato?

Prendi carta penna e inizia subito a fare uno schemino e a rispondere a queste domande. Si tratta di un punto di partenza per fare in modo che la tua diversità diventi il punto di forza nella tua attività, qualunque essa sia.

Diventa un Super Freelancer

Iscriviti alla community e ricevi i nostri contenuti gratuiti estratti dal corso

Niente SPAM, promesso